Jun 3 – 7, 2024
INAF - Osservatorio Astronomico di Capodimonte
Europe/Rome timezone
Dagli Universi isola all'astronomia multimessaggera: 100 anni di rivoluzioni

Il LXV Congresso Nazionale della Società Astronomica Italiana (SAIt) vuole celebrare i 100 anni di successi che hanno caratterizzato la ricerca astrofisica. Nel 1923 Edwin Hubble grazie alla scoperta delle Cefeidi Classiche nella galassia di Andromeda (M31) dimostrò che la nebulosa di Andromeda non faceva parte della nostra Galassia, ma si trovava a circa due milioni di anni luce da noi. La scoperta degli Universi isola aprì la strada alla misura dell'espansione dell'Universo, alla scala delle distanze cosmiche, alla cosmologia/astrofisica moderna.

Tali scoperte e i paralleli sviluppi tecnologici hanno rivoluzionato lo stato delle conoscenze del cosmo a partire dal sistema solare, fino alla recente rivelazione delle onde gravitazionali con la nascita dell'astronomia multimessaggera.

Questi sviluppi hanno interessato tutte le tematiche dell’astrofisica italiana trattate da ricercatori e tecnologi afferenti ai 5 raggruppamenti scientifici nazionali dell’INAF. Ci si aspetta quindi una ampia partecipazione della comunità scientifica, sia INAF sia universitaria che di altri enti di ricerca, per discutere i risultati, le idee e le sinergie in ambito sia scientifico sia tecnologico.

È incoraggiata la partecipazione di giovani ricercatrici e ricercatori che saranno i veri protagonisti dell’astronomia di domani, insieme ai più senior che dell’astronomia di domani stanno ponendo le basi.

Sarà dedicato inoltre uno spazio specifico alle problematiche dell’insegnamento dell’astronomia nella scuola secondaria in quanto materia che si caratterizza per il suo elevato contenuto interdisciplinare e la sua forte valenza culturale e formativa.

Durante il Congresso si terrà anche l’Assemblea annuale dei Soci, fondamentale punto di scambio di idee e di confronto tra le diverse realtà che contraddistinguono l'associazione, e avrà luogo l’assegnazione dei  premi SAIT.

Al congresso sarà dedicato un volume delle Video Memorie della SAIt a cura della Redazione.

Starts
Ends
Europe/Rome
INAF - Osservatorio Astronomico di Capodimonte
Auditorium Nazionale INAF "Ernesto Capocci"