18-22 May 2015
Catania, Dipartimento di Fisica e Astronomia
Europe/Rome timezone
Le sfide scientifiche affrontate con i nuovi grandi telescopi da terra e dallo spazio

Catania

Informazioni su Catania

Per tutto il rumore e il caos che colpisce il visitatore a prima vista, Catania ha energia da vendere e un splendido centro storico patrimonio dell'Unesco. Grandiosi palazzi bianchi e neri su piazze barocche, la città ha uno dei mercati del pesce più vivaci dell'isola, insieme a centinaia di bar, club e ristoranti che si rivolgono agli amanti del divertimento (in gran parte studenti) della popolazione cittadina.

Per tutto il tempo, l'Etna cova all'orizzonte, la sua potente presenza aggiunge un orlo emozionante - e una bella cornice - per la seconda città più grande della Sicilia.

Catania, o Katane come veniva chiamata un tempo, è stata fondata dai Calcidesi nel 729 aC, e cresce per diventare una grande potenza regionale nel 4 ° e 5 ° secolo aC. Nei secoli successivi fu governata da una serie di potenze straniere, primi i Romani, poi i Bizantini, Saraceni e Normanni, ma dalla metà del 17 ° secolo era diventata nuovamente un centro commerciale prospero.

Poi, verso la fine del 1600, un disastro l'ha colpita. Due volte. L'eruzione più distruttiva dell'Etna dal 122 aC è iniziata l'11 marzo 1669 ed ha prodotto flussi di lava che hanno distrutto almeno 10 villaggi sul suo fianco meridionale prima di raggiungere le mura della città di Catania cinque settimane dopo, il 15 aprile.

La lava è stata in gran parte deviata da queste mura in mare a sud della città, riempiendo il porto di Catania. Una piccola porzione di lava ha in fine rotto e attraversato una sezione fragile delle mura sul lato occidentale di Catania e distrutto alcuni edifici prima di fermarsi nella parte posteriore del monastero benedettino, senza raggiungere il centro della città. Contrariamente alle notizie diffuse di 15.000 (o anche 20.000) morti causati dalla lava, fonti contemporanee scritte sia in italiano che in inglese non menzionano decessi nel 1669 collegati all'eruzione (ma danno cifre molto precise del numero di edifici distrutti, della superficie coltivata persa e il danno economico), quindi si può presumere con sicurezza che l'enorme numero di vittime, spesso raccolte anche dai mezzi di informazione deve essere una confusione con il terremoto che ha devastato la Sicilia sud-est (compresa Catania) 24 anni dopo, nel 1693. Uno studio sui danni e decessi causati dalle eruzioni dell'Etna in tempi storici rivela che solo 77 morti umane sono attribuibili con certezza a eruzioni dell'Etna. L'ultima nel 1987, quando due turisti sono stati uccisi da un'esplosione improvvisa nei pressi della vetta.

Poi, nel 1693, un terribile terremoto ha colpito lasciando altri 20.000 morti. Ma dalle ceneri sorse la città che si trova oggi. Sotto la supervisione di architetti Giovanni Vaccarini e Stefano Ittar, una nuova griglia stradale fu creata incorporando ampie piazze e strade di larghezze diverse, tutte progettate per fornire vie di fuga e una maggiore protezione nel caso di un'altra eruzione. Palazzi e chiese grandiosi sono stati costruiti in stile barocco nella roccia vulcanica nera che Etna aveva fatto piovere sulla città.

Nei tempi moderni, anni di incuria hanno lasciato molti dei grandi edifici della città al degrado, ma lavori di ristrutturazione nei primi anni del 2000 hanno restaurato molti di essi al loro antico splendore.

Vedi anche Un itinerario lungo la costa orientale della Sicilia dove è inclusa una descrizione di alcuni luoghi da visitare a Catania.


Credits:

Catania su Wikipedia
Catania Lonely Planet

 

Your browser is out of date!

Update your browser to view this website correctly. Update my browser now

×