Resoconto Consiglio di Amministrazione 28 Settembre

Europe/Rome

● Comunicazioni del Presidente

EC: Al punto 4 inserirei i numeri di TD/assegnisti che sono stati censiti (sono in un documento presentato al CDA che non e' visibile qui)


● Comunicazioni del Direttore Scientifico

Manca il documento relativo alla "ricognizione preliminare dei progetti" quindi il punto è da modificare


● Audizione di una Rappresentanza dei Precari

Suggerimento: aggiungere i due documenti ricevuti tra gli allegati (documento precari triestini + documento precari bolognesi)


● Indirizzo relativo alla assegnazione del Tempo Osservativo del Telescopio Nazionale Galileo

togliere l'allegato (in quanto non discusso).

Proposta di integrazione del testo da verbalizzare, che tiene conto anche delle interazioni avute il giorno seguente via mail:

 

La proposta della DS è di procedere con un bando abbastanza generico che tenga conto anche della
possibilità di implementare Large Programs. Eventuali Large program proposti per NICS e per DOLORES saranno
accettati con un apposita clausola legata alla manutenzione straordinaria di questi strumenti, che non essendo prevista potrebbe comportare la cancellazione di alcuni LP in caso di gravi rotture.

Il CdA concorda con la proposta del DS.


● Nuove Posizioni di I-III livello

Proposta: 

Il Direttore Scientifico informa il consiglia che il Collegio dei Direttori, nella riunione del 20 Settembre ha espresso la raccomandazione al CdA (attraverso il DS) nelle more delle definizione delle modalità di reclutamento delle nuove posizioni di III livello, di procedere al reclutamento per le posizioni di III livello già approvata nel precedente PTA (8 Posti di Ricercatore e 6 Posti di Tecnologo, un posto di Dirigente Tecnologo e 3 posti di Primo Tecnologo).
Il consiglio prende atto e attende a riguardo una proposta da parte del Presidente.


● Indicazione nominativi perCommissione Paritetica INAF Scuola Normale Superiore di Pisa

proposta fatta nel testo, da verificare....(soprattutto le persone da nominare, che potrebbero essere più di 2)

There are minutes attached to this event. Show them.
    • 11:00 11:10
      Comunicazioni del Presidente 10m
      1. Cerimonia in Abruzzo. Il Presidente riferisce sull’esito positivo della cerimonia in Abruzzo con la quale è stata celebrata la fondazione dell’Osservatorio Astronomico d’Abruzzo, tramite l’annessione a Teramo della Stazione osservativa di Campo Imperatore, precedentemente sotto la giurisdizione dell’Osservatorio laziale di Monte Porzio. Il Presidente riferisce sull’apprezzamento della Ministra per le politiche di valorizzazione territoriale dell’INAF.

      2. Ripresa delle operazioni regolari di SRT e insediamento dell’ASI. Il Presidente riferisce di avere avuto comunicazione in agosto della conclusione dei lavori della superfice di SRT, ed esprime soddisfazione per l’efficace attività di management e di controllo dei lavori della Direzione Scientifica che hanno consentito il collaudo in tempo per le attività DSN di interesse di ASI. Il Presidente riferisce con soddisfazione che le successive attività propedeutiche alla predisposizione di SRT nella sua configurazione per il Deep Space Network, denominata dall’ASI “SDSA”, ha visto le due squadre INAF e ASI lavorare a pieno ritmo e in piena sinergia, e ha visto infine SRT all’ascolto della sonda Cassini fino al Grand Finale. Con questo evento, e con la firma della Convenzione approvata dal CdA nella seduta di luglio, l’ASI insedia la sua prima Unità Scientifica presso l’INAF.

      3. Grand Finale di Cassini. Il Presidente ricorda che la cerimonia conclusiva di questa storica missione in cui i ricercatori dell’INAF hanno avuto un ruolo fondamentale sin dall’inizio, ha visto il coinvolgimento dell’INAF e dei suoi ricercatori sia nella sede ASI a Roma, che al JPL in California, con ampia visibilità per l’Istituto.

      4. Consulta dei Presidenti degli EPR. Il Presidente illustra le modifiche al DL 218 che sono state discusse in sede di Consulta e che sono all’attenzione del Governo. Il Presidente segnala anche che le tabelle del personale stabilizzabile sono state trasmesse al Governo. Non risulta del tutto chiaro se la norma relativa al comma 2 del DL 75 sia applicabile anche agli assegnisti, che comunque sono stati censiti, ovvero 76 unità a tempo determinato, 10 contratti atipici e 171 assegni di ricerca.

      5. Sezioni INAF presso sedi universitarie. Il Presidente fa presente che in aggiunta alla proposta da parte dell’Università Tor Vergata, giunta per vie brevi, sono state avanzate proposte di insediamento di Sezioni INAF presso l’Università di Ferrara e l’Università della Calabria. Il Presidente ricorda che questi insediamenti sono previsti dallo Statuto. La documentazione sarà trasmessa alla Direzione Scientifica che produrrà al Presidente una relazione di sostenibilità delle iniziative proposte.

      6. Uffici di Presidenza e figura del Portavoce. Il Presidente comunica che in vista della predisposizione del nuovo Regolamento di Organizzazione, ha preso contatti con funzionari della Funzione Pubblica per avere indicazioni normative riguardo alla consistenza e le funzioni degli Uffici di Presidenza, e riguardo ai meccanismi di arruolamento della figura del Portavoce.

      7. Selezione del Direttore del TNG. Il Presidente annuncia che sono pervenute dieci candidatura e il Patronato ha selezionato una short list di sei candidati da convocare ad un colloquio.

      8. Scadenziario connesso alle organizzazioni internazionali SKA e CTA. Il Presidente illustra Lìlo scadenziario degli atti di indirizzo politico e delle azioni di consolidamento di budget che il MIUR dovrà formulare in relazione alla partecipazione alle due iniziative in oggetto, che si configura sinteticamente come da Tabella allegata. Il Presidente fa altresì presente che per il periodo 2017-2018 e in parte per il 2019, la partecipazione alle attuali Organizzazioni (la SKAO Ltd, società no profit di diritto britannico, e la CTA Gmbh, società no profit di diritto tedesco) è garantita dal finanziamento straordinario ottenuto dall’INAF in base alla Legge di Stabilità 2015, mentre il budget per l’adesione alle nuove organizzazioni dovrà essere garantito da una norma.

    • 11:10 11:20
      Comunicazioni del Direttore Generale 10m

      A) Il Direttore Generale comunica al Consiglio di Amministrazione le determinazioni che intende assumere in ordine ad una vecchia procedura concorsuale che è rimasta ancora sospesa.
      Il Direttore Generale precisa che la procedura concorsuale rientra tra quelle indette per la copertura, mediante selezione per titoli ed esami, di complessivi dieci posti di Ricercatore di Terzo Livello, con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.
      Ad oggi, l'unica procedura ancora aperta è quella che riguarda il Settore "RIC 02", in quanto non è stata ancora approvata la graduatoria finale di merito.
      I dubbi sono sorti all'epoca a seguito della presentazione da parte di uno dei candidati risultati idonei di un "titolo di preferenza" successivamente al superamento della prova orale.
      Il Direttore Generale fa presente che, a seguito anche degli opportuni accertamenti effettuati con la Dottoressa Valeria SAURA, nella sua qualità di Dirigente Responsabile dello Ufficio I, è giunto alla conclusione che, nella fattispecie, trova applicazione il combinato disposto degli articoli 5, comma 4, e 16, comma 2, del Decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, numero 487, e successive modifiche ed integrazioni, per cui i "...candidati appartenenti a categorie previste dalla Legge 2 aprile 1968, n. 482 , che abbiano conseguito l'idoneità, debbono essere inclusi nella graduatoria tra i vincitori...".
      Pertanto, la graduatoria finale di merito della procedura concorsuale "de qua" verrà approvata dichiarando vincitore il candidato che ha prodotto il "titolo di preferenza".

      B) Il Direttore Generale comunica che, a seguito di apposito quesito formulato dalla "Conferenza Permanente dei Direttori Generali degli Enti di Ricerca", il Ministero della Economia e delle Finanze ha affermato, in sede di interpretazione delle disposizioni normative contenute nell'articolo 10 del Decreto Legislativo 25 novembre 2016, numero 218, che anche gli Enti di Ricerca sono tenuti ad adottare, in via esclusiva, la contabilità economica patrimoniale, rinviando al Ministero della Istruzione, della Università e della Ricerca, in assenza della previsione normativa di decreti attuativi della legge, il compito di definire modalità, condizioni e tempi di adozione del nuovo sistema contabile.
      Il Direttore Generale fa presente che la "Conferenza Permanente dei Direttori Generali degli Enti di Ricerca" intende proporre al Ministero della Istruzione, della Università e della Ricerca una adozione graduale del sistema di contabilità economico-patrimoniale, al fine di definire, di comune accordo con tutti gli Enti di Ricerca, i nuovi principi contabili, gli schemi dei nuovi Bilanci e quelli dei nuovi Regolamenti di Contabilità.
      E', peraltro, necessaria una fase di sperimentazione del nuovo sistema contabile, anche al fine di testare i sistemi informatizzati che dovranno essere progettati ed applicati a tal fine.
      Per tutti questi motivi la "Conferenza Permanente dei Direttori Generali degli Enti di Ricerca" intende richiedere al Ministero della Istruzione, della Università e della Ricerca il differimento della definitiva adozione del sistema di contabilità economico-patrimoniale alla data del 1° gennaio 2021.
      Al momento, conclude il Direttore Generale, non esiste, all'interno della "Conferenza Permanente dei Direttori Generali degli Enti di Ricerca", una uniformità di vedute in merito al sistema informatizzato da applicare ai fini della adozione del nuovo sistema contabile, in quanto alcuni propendono per la scelta del sistema all'uopo progettato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche ed altri per quello già da tempo collaudato dal "CINECA" e applicato dalle istituzioni universitarie.

      C) Il Direttore Generale relaziona, infine, sul cosiddetto "Fondino", ossia sulla ripartizione tra le "Strutture di Ricerca" di una quota integrativa del "Fondo Ordinario per gli Enti e le Istituzioni di Ricerca" destinato alle predette Strutture per soddisfare esigenze straordinarie ed eccezionali.
      Il Direttore Generale fa presente che la proposta formulata dal Gruppo di Lavoro all'uopo costituito dal "Collegio dei Direttori" delle "Strutture di Ricerca", ratificata dallo stesso Collegio nella seduta del 20 settembre 2017, prevede la assegnazione:
       di € 46.208,38 allo Osservatorio Astronomico di Roma;
       di € 20.000,00 allo Osservatorio Astronomico di Brera;
       di € 140.000,00 allo Osservatorio Astronomico di Bologna
      Le predette assegnazioni, che ammontano complessivamente ad € 206.208,38, trovano ampia copertura nel pertinente capitolo di spesa del bilancio, nel quale, attualmente, esiste una disponibilità finanziaria di €. 222.492,29.
      Il Direttore Generale, anche in considerazione delle perplessità sorte in precedenti sedute del Consiglio di Amministrazione sull'iter da seguire per il perfezionamento del procedimento "de quo", chiede ai presenti se la assegnazione del cosiddetto "Fondino" possa essere disposta dallo stesso Direttore Generale con proprio provvedimento, trattandosi, sostanzialmente, di un mero storno di bilancio, ovvero se sia comunque necessaria una delibera del Consiglio di Amministrazione.
      Il Consiglio di Amministrazione, sentito in merito anche il Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti, ritiene che la competenza in materia sia del Direttore Generale, fermo restando che quest'ultimo deve comunque dare comunicazione al predetto Consesso dei provvedimenti adottati ovvero prospettare allo stesso eventuali situazioni anomale o che, comunque, richiedono una particolare riflessione.

      D) Il Direttore Generale fa presente che, nella prossima seduta, in sede di approvazione del Programma dei Lavori Pubblici per il Triennio 2018-2020, verrà sottoposta all'esame del Consiglio di Amministrazione anche la proposta di ripartizione tra le "Strutture di Ricerca" dei fondi destinati alla edilizia, formulata dallo stesso Gruppo di Lavoro innanzi citato nella riunione del 13 luglio 2017 e ratificata dal "Collegio dei Direttori" delle "Strutture di Ricerca" nella seduta del 20 settembre 2017.

      E) Il Direttore Generale fa presente che il Dipartimento della Funzione Pubblica sta predisponendo una circolare esplicativa ai fini della corretta interpretazione ed applicazione delle disposizioni contenute nel Decreto Legislativo 25 maggio 2017, numero 75, in materia di stabilizzazioni.

    • 11:20 11:30
      Comunicazioni del Direttore Scientifico 10m
      1. Avanzamenti relativi alle posizioni di IV-VIII livello

      L’atto di indirizzo del Presidente del 25 Luglio scorso, relativo al reclutamento di nuove posizioni di IV-VIII livello assegna in prima istanza alla Direzione Scientifica, in collaborazione con le UTG e con I Direttori di Struttura, di identificare e quantificare la attività a carattere amministrativo presso la sede centrale e presso le strutture che siano funzionali alla ricerca scientifica e tecnologica e che possano rendersi più efficienti attraverso un processo di razionalizzazione e potenziamento.

      Nel mese di Settembre è stata avviata la consultazione con I Direttori di Struttura, i responsabili di UTG ed I PI di grandi progetti in corso per acquisire le informazioni necessarie a delineare il quadro sopra descritto. Posso anticipare che, ad esclusione del Personale Tecnico per laboratori per il quale c’e’ una pluriennale carenza di turnover, I servizi di amministrazione cruciali per la ricerca risultano essere la gestione delle missioni di servizio e la gestioni degli acquisti per piccoli e medi importi. Questi ultimi con particolare riferimento ad acquisti di materiali o dispositivi di difficile reperimento sul MEPA.

      E’ intenzione della Direzione Scientifica presentare una report in una delle prossime sedute del CdA con una mappatura qualitativa e quantitativa di questi servizi sul territorio, anche in considerazione della peculiarità di alcune strutture, e proporre di conseguenza dei criteri generali per la distribuzione presso le strutture delle nuove posizioni disponibili, aggiunte a prospettive di miglioramento di efficenza secondo la logica della “amministrazione diffusa”.

      1. Avvio della attività delle UTG

      A seguito della recente nomina, in data 21 Settembre, I nuovi responsabili delle UTG si sono riuniti a Roma con il Direttore Scientifico, I responsabili delle Unità scientifiche Centrali e la Struttura Tecnica della Direzione Scientifica. Sono state poste le basi per consentire ai responsabili di UTG di esercitare le loro prerogative di coordinamento e controllo dei progetti e delle strutture attraverso deleghe funzionali e di firma da parte del Direttore Scientifico. Il DS chiederà in fase di strutturazione del bilancio 2018 la identificazione dei centri di spesa non ancora esistenti della UTG-III ed UTG-IV per poter rendere le deleghe effettive.

      Il DS ha comunicato aio responsabili delle UTG l’Invito pervenuto dal Presidente a presente al CdA nella seduta di Ottobre la articolazione di ciascuna UTG in progetti e gestione delle infrastrutture e la squadra che ciascuna UTG intende impiegare per rendere efficace la propria azione presso la comunità. La UTG-II Radioastronomia ha già provveduto, per via dell’urgenza ed imminenza di alcune decisioni, a costruire la propria articolazione che è allegata a questa nota.

      1. Ricognizione Preliminare dei progetti

      La Direzione Scientifica sta predisponendo Un documento di ricognizione dei progetti nei quale l’Ente è correntemente coinvolto con alcune informazioni preliminari relative alla durata, alla fonte ed all’importo del finanziamento a copertura, alla durata ed alla prospettiva del progetto stesso. Nella prossima seduta del CdA, che prevede l’audizione dei responsabili delle UTG, ciascun responsabile dettaglierà meglio lo stato dei progetti di propria competenza. Il documento sarà pronto in tempo utile per la predisposizione del bilancio di previsione.

      1. Progetti PON

      Alla call pubblicata dalla DIrezione Scientifica ottemperando all' atto di indirizzo del CdA (Luglio 2017) sono pervenute 3 risposte per progetti PON, 2 in area aerospazio ed una in area Agrifood.
      Non sarò pertanto necessario fare nessuna selezione preliminare prima della sottomissione.

    • 11:30 11:40
      Aggiornamento del Programma dei Lavori Pubblici per il triennio 2017-2019 e dell’Elenco dei Lavori relativo all'anno 2017 10m

      Relaziona il Direttore Generale

      Il Direttore Generale sottopone all'esame del Consiglio di Amministrazione per la sua approvazione l’aggiornamento del "Programma dei Lavori Pubblici" dello "Istituto Nazionale di Astrofisica" per il triennio 2017-2019 e dello "Elenco dei Lavori" relativo all'anno 2017, predisposti ai sensi dell’articolo 21, comma 3, del Decreto Legislativo 18 aprile 2016, numero 50, e successive modifiche e integrazioni, adottati dal Consiglio di Amministrazione con Delibera del 30 settembre 2016, numero 106, e pubblicati, per sessanta giorni consecutivi, sul Sito Istituzionale del medesimo "Istituto".
      Il Consiglio di Amministrazione ha approvato, alla unanimità, la bozza di delibera predisposta dalla Direzione Generale, con i relativi allegati, il cui dispositivo si riporta di seguito integralmente:
      IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
      DELIBERA
      1) di "aggiornare" il "Programma dei Lavori Pubblici" dello "Istituto Nazionale di Astrofisica" per il Triennio 2017-2019 e l'annesso "Elenco dei Lavori" per l'anno 2017 con l'inserimento:
      a) degli interventi edilizi urgenti, sia strutturali che impiantistici, per un importo di € 146.000,00 (euro centoquarantaseimila/00), finalizzati a garantire:
       l'adeguamento funzionale e la messa a norma di alcuni locali e impianti del Complesso Immobiliare ubicato nel "Parco di Villa Mellini", Sede della Amministrazione Centrale dello "Istituto Nazionale di Astrofisica", e il ripristino funzionale di alcune pertinenze delle "aree a verde" (fontane, marmi decorativi, lampioni, pennoni con le bandiere, ecc.);
       una distribuzione più razionale degli spazi disponibili al suo interno, in attuazione delle disposizioni contenute nella Determina Direttoriale del 1° marzo 2017, numero 26, per "...soddisfare, nel migliore modo possibile, tutte le esigenze funzionali e logistiche delle diverse componenti, sia amministrative che scientifiche, della Comunità che svolge la propria attività lavorativa nel predetto Complesso Immobiliare e di coniugare le stesse con quelle del "benessere organizzativo"...";
      b) degli interventi edilizi urgenti, sia strutturali che impiantistici, per un importo di € 147.000,00 (centoquarantasettemila/00), da eseguire nel Complesso Immobiliare ubicato a Monte Porzio Catone, alla Via di Frascati, numero 33, Sede dello "Osservatorio Astronomico di Roma", che riguardano, in particolare:
       l’adeguamento funzionale e la messa a norma dell’impianto termico principale;
       alcuni interventi di potatura delle alberature presenti nelle aree a verde;
      c) degli interventi edilizi urgenti, sia strutturali che impiantistici, per un importo di € 216.300,00 (duecentosedicimilatrecento/00), da eseguire nel Complesso Immobiliare ubicato a Pino Torinese, alla Via Osservatorio, numero 20, Sede dello "Osservatorio Astrofisico di Torino", che riguardano, in particolare, l’adeguamento funzionale e la messa a norma di locali e impianti anche ai fini del rilascio del "Certificato Prevenzione Incendi".
      2) di approvare, in via definitiva, il "Programma dei Lavori Pubblici" dello "Istituto Nazionale di Astrofisica" per il triennio 2017-2019 e l'annesso "Elenco dei Lavori" per l'anno 2017.
      3) di affidare al competente Ufficio della Direzione Generale il compito di adottare tutti gli atti connessi e conseguenti alla approvazione della presente Delibera, ivi compresa la pubblicazione del "Programma dei Lavori Pubblici" per il Triennio 2017-2019 e dell'annesso "Elenco dei Lavori" per l'anno 2017, con i relativi "aggiornamenti", sul Sito Web dello "Istituto Nazionale di Astrofisica", nella Sezione "Amministrazione Trasparente", sul Sito Istituzionale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e sulla Piattaforma Digitale istituita presso la Autorità Nazionale Anticorruzione.

      Delibera N. 81

      TRASMISSIONE PER SEGUITI DI COMPETENZA: Direzione Generale

    • 11:40 12:10
      Approvazione del Piano Triennale di Attività 2017-2019 30m

      Il consiglio prende visione della bozza di Piano Triennale e stabilisce di apportare alcune modifiche anche alla luce di quanto emerso dall'apposito incontro sul tema tra CdA e CS che ha avuto luogo il 27/09. Si rimanda quindi il punto alla seduta successiva.

    • 12:10 12:30
      Iter per la predisposizione dei Regolamenti (D. Lgs. n. 218/2016) 20m

      Relaziona il Presidente.

      Il Presidente propone che per la predisposizione del Regolamento di Organizzazione e Funzionamento (ROF), sia definito un gruppo di lavoro costituito da: il Presidente, il DS, il DG, il Presidente del CS, un rappresentante delle MA, un rappresentante dei Direttori di Struttura, un rappresentante dei Responsabili Amministrativi. Il CdA concorda e da mandato al Presidente di chiedere ai corrispondenti gruppi di individuare il loro rappresentante e procedere col Decreto di nomina. Il Gruppo nominato recepirà e armonizzerà anche le istruttorie predisposte dai gruppi tematici in fase di insediamento, riguardo a quelle discipline oggetto del ROF.

    • 12:30 12:45
      Criteri per la determinazione del FOE di Struttura 15m

      Relazione il Direttore Generale ed il Direttore Scientifico

      E' intenzione della Direzione Generale, di concerto con la Direzione Scientifica, provvedere ad una ri-determinazione del FOE delle Strutture che prenda atto delle reali esigenze delle Strutture stesse e conclude il ricorso a misure di emergenza in corso di esercizio, comuni negli ultimi esercizi finanziari.
      Contestualmente si provvederà ad una revisione delle esigenze delle strutture secondo criteri di efficenza ed opportunità, tenendo conto delle peculiarità di ciascuna struttura. Il consigliere Giovannini suggerisce di includere nel monitoraggio la possibilità di una sede di effettuare, quantificandoli, investimenti al fine di ridurre sul lungo periodo i costi fissi (ad esempio risparmio energetico). Il Presidente puntualizza che i costi di gestione di una struttura devono includere anche le spese necessarie a garantire un dignitoso decoro alle strutture, essenziale in caso di visite istituzionali o di attività pubbliche.

    • 12:45 13:05
      Audizione di una Rappresentanza dei Precari 20m

      Il CdA riceve tre delegazioni. Appare evidente il disagio di tutte le figure di ricerca che orbitano attorno all'INAF con varie forme contrattuali non permanenti, dovuto al turn-over relativamente basso imposto per Legge negli anni recenti, e alla conseguente difficoltà di prospettare una programmazione realistica e trasparente dell'Ente. Alcune istanze presentate dalle delegazioni appaiono ovviamente in conflitto, e impongono, secondo il parere del Presidente, che il CdA valuti i dati aggregati di questo capitale umano che è certamente di eccellenza, e individui un adeguato meccanismo di riequilibrio dei quadri di ruolo.

    • 13:05 13:20
      Approvazione dell’Atto modificativo della Promessa di vendita immobiliare tra la Alma Mater Studiorum – Universitam di Bologna e l’Istituto Nazionale di Astrofisica per l’acquisto di una quota parte indivisa della proprietà superficiaria dell’immobile sito in Bologna, Via Gobetti, denominato “Unità Edilizia 3” sede dell’Osservatorio Astronomico di Bologna. 15m

      Relaziona il DG

      Il Direttore Generale ha sottoposto all’esame del Consiglio di Amministrazione per la sua approvazione lo "Atto Modificativo" della "Promessa di Vendita Immobiliare", sottoscritta in data 12 dicembre 2006, con la quale la Università degli Studi di Bologna "Alma Mater Studiorum" si impegna a vendere allo "Istituto Nazionale di Astrofisica", che a sua volta si impegna ad acquistare, una quota parte, pari a 390,29 millesimi, della complessiva proprietà superficiaria del Complesso Immobiliare sito in Bologna, alla Via Gobetti, denominato "Unità Edilizia n. 3", per le esigenze dello "Osservatorio Astronomico di Bologna".
      In particolare, il Direttore Generale illustra, sinteticamente, gli aspetti più significativi dello "Atto Modificativo" della "Promessa di Vendita Immobiliare", come riportati nella bozza di delibera all'uopo predisposta e di seguito specificati:
      • l'articolo 1 dello "Atto Modificativo", che disciplina il "Prezzo di vendita e la relativa rateizzazione", sostituisce l'articolo 2, comma 2, della "Promessa di Vendita Immobiliare", recependo integralmente la rimodulazione del "piano dilazionato dei pagamenti", che, peraltro, era già stata condivisa ed approvata da ciascuna delle due "parti" con l'adozione di specifici provvedimenti;
      • l'articolo 2 dello "Atto Modificativo", che definisce condizioni e tempi per la stipula dello "Atto Definitivo di Compravendita" e per il "Trasferimento della Proprietà Superficiaria", sostituisce l’articolo 5, comma 3, della "Promessa di Vendita Immobiliare", prevedendo il trasferimento allo "Istituto Nazionale di Astrofisica" della proprietà di quota parte della "Unità Edilizia n. 3" al momento del versamento dell'ultima rata del corrispettivo, che deve essere, peraltro, contestuale alla stipula dello stesso "Atto definitivo";
      • l'articolo 3 dello "Atto Modificativo", che disciplina, a sua volta, la "Consegna anticipata allo Istituto Nazionale di Astrofisica di quota parte dei locali ubicati nella Unità Edilizia n. 3", sostituisce l’articolo 5, comma 4, della "Promessa di Vendita Immobiliare", individuando specificatamente le superfici che lo "Osservatorio Astronomico di Bologna" ha il diritto di utilizzare, identificando le stesse nelle allegate planimetrie e definendo le "...consistenze sia delle superfici nette in godimento esclusivo di ciascuno dei due Enti che degli spazi comuni...";
      • l'articolo 4 dello "Atto Modificativo", che regolamenta "ex novo" la "Immissione dello Istituto Nazionale di Astrofisica nella detenzione qualificata dei locali", introduce, a sua volta, nell'articolo 5 della "Promessa di Vendita Immobiliare" il comma 5, il quale prevede espressamente che lo "Osservatorio Astronomico di Bologna":
       è immesso "...nella detenzione qualificata, anticipata, gratuita ed immediata della porzione immobiliare di propria spettanza con piene facoltà di godimento, di uso e disponibilità della detenzione, e con i diritti e gli obblighi propri del comodatario, fatta eccezione per l’articolo 1089, comma 2, del Codice Civile (richiesta di restituzione per urgente bisogno del comodante), che non si applica alla presente fattispecie...";
       è autorizzato "...a concedere in uso alcuni dei locali ad esso consegnati e nei quali viene immesso nella detenzione qualificata, al fine di soddisfare le specifiche esigenze degli "Headquarters" del progetto finalizzato alla realizzazione della infrastruttura internazionale denominata "Cherenkov Telescope Array" ("CTA"), scelti tra quelli di propria spettanza indicati nelle planimetrie allegate al presente atto e, comunque, nel rispetto di modalità e tempi che formeranno oggetto di specifici, successivi accordi tra le parti...";
      • l'articolo 5 dello "Atto Modificativo", che disciplina, tra l'altro, gli "Oneri di gestione", introduce nell'articolo 7 della "Promessa di Vendita Immobiliare" il comma 3, il quale prevede che, nelle "...more della stipula della convenzione di regolamentazione dell’uso delle parti comuni e delle aree esterne, lo "Istituto Nazionale di Astrofisica”, nella sua qualità di comodatario, fino al momento della stipula dell’atto definitivo di compravendita, si accollerà unicamente le spese sostenute per l’utilizzo e la gestione ordinaria della Unità Edilizia innanzi specificata, limitatamente alle voci concordate tra le parti..." e riportate nei documenti allegati, con "...la esclusione, in ogni caso, di tutte le spese straordinarie e fatto salvo il diritto di rimborso previsto dall’articolo 1808, secondo comma, del Codice Civile...";
      • l'articolo 6 dello "Atto Modificativo", che, anche in questo caso, regolamenta "ex novo" la "Tutela della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro e le relative coperture assicurative", introduce, infine, nella "Promessa di Vendita Immobiliare" l’articolo 9, disciplinando espressamente, nella predetta materia, gli obblighi a carico di ciascuna delle due "parti" ed i relativi adempimenti.
      Il Consiglio di Amministrazione, alla unanimità:
       - ha approvato il predetto "atto modificativo" eliminando, sia nella bozza di delibera che nei relativi allegati, la parola "indivisa", al fine di rendere coerente il predetto atto con le modifiche in esso contenute e con le sue stesse finalità, e accogliendo, in tal modo, il rilievo formulato in tal senso dal Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti;
       - ha autorizzato il Dottore Andrea COMASTRI, nella sua qualità di Direttore dello "Osservatorio Astronomico di Bologna", a sottoscriverlo.

      Delibera N. 79

      TRASMISSIONE PER SEGUITI DI COMPETENZA: Direzione Generale

    • 13:20 13:40
      Organizzazione complessiva dell’Ente ai sensi dell’art. 6, comma 2, lett. i) dello Statuto. Atto di indirizzo del Presidente. 20m

      Relaziona il Presidente che illustra l'atto di indrizzo

      il consiglieri concordano sui contenuti. Il consigliere Giovannini ritiene che azioni di questo tipo riguardino la performance organizzativa suggerendo quindi di implementarle nel prossimo Piano della Performance.

    • 13:40 13:50
      Questione IVA in Progetti ESO 10m

      Relaziona il Direttore Scientifico
      Le conversazioni con i Ministeri (MIUR, MEF, MAECI) verso una soluzione del problema IVA MAORY sembrano a un punto di stallo o comunque presentano tempi molto rallentati per arrivare ad una soluzione. DS e DG chiedono a questo punto un indirizzo da parte del CdA su come comportarci in un transitorio che può essere anche molto lungo e con progetti in impellente necessità di iniziare le gare per gli acquisti.

      Il consiglio prende atto della gravità ed urgenza della questione e da mandato alla DG e DS di esplorare tutte le possibili azioni percorribili dal punto di vista fiscale, tramite un apposito incontro tra tutti gli attori coinvolti ed il consulente fiscale dell'istituto.

    • 13:50 14:00
      Questione DURC 10m

      Relaziona il Direttore Generale.

      Definizione pendenze debitorie e/o creditorie con l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS) ai fini della regolarizzazione del "Documento Unico di Regolarità Contributiva" ("DURC").
      La Direzione Generale fa, innanzitutto, espresso rinvio alla relazione predisposta dalla Dottoressa Valeria Saura, nella sua qualità di Dirigente Responsabile dello Ufficio I, con la collaborazione del Dottore Marco VANNELLI, Funzionario di Amministrazione, adibito, tra gli altri, anche al compito di curare i rapporti con lo Istituto Nazionale di Previdenza Sociale per la regolarizzazione del "Documento Unico di Regolarità Contributiva" ("DURC"), che si allega al presente resoconto per formarne parte integrante (Allegato n. 1).
      La predetta relazione descrive, peraltro, sinteticamente tutte le iniziative promosse negli ultimi sei mesi dalla Direzione Generale per risolvere l'annosa vicenda, le criticità finora riscontrate e i risultati conseguiti.
      In particolare, la Direzione Generale fa presente "...che:
       - dal mese di marzo dello scorso anno la gestione delle denunce contributive relative alla “Gestione Separata” è stata totalmente accentrata e, pertanto, la stessa è ora curata dallo Ufficio I, con rilevata significativa riduzione delle criticità relative al corretto allineamento dei contributi dichiarati/dovuti e versati che erano state riscontrate negli anni in cui la predetta gestione era, invece, curata dalle singole Strutture di Ricerca;
       - oltre alle operazioni di rettifica e sistemazione delle denunce contributive operate tramite i “Servizi on line” dello Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, sono state inviate al medesimo Istituto anche numerose segnalazioni e comunicazioni tramite il suo sistema informatico, denominato “Cassetto previdenziale”, senza ottenere significativi riscontri;
       - in particolare, con nota del 19 aprile 2017, numero di protocollo 1904, lo Ufficio I ha provveduto a comunicare allo Istituto Nazionale di Previdenza Sociale l’esito dei riscontri effettuati tramite la verifica della documentazione agli atti dello Istituto Nazionale di Astrofisica (modelli di versamento F24 e prospetti riepilogativi relativi ai versamenti effettuati nei mesi di riferimento) relativamente agli addebiti indicati negli inviti a regolarizzare la posizione contributiva e previdenziale, dai quali si evince che la maggior parte degli stessi non sarebbero dovuti, in quanto si tratterebbe di importi debitamente versati dallo Istituto Nazionale di Astrofisica allo Istituto Nazionale di Previdenza Sociale;
       - in ogni caso, alla fine, la posizione contributiva relativa alle “Gestioni dei lavoratori dipendenti” è stata definitivamente regolarizzata;
       - come risulta dall’ultimo invito alla regolarizzazione, trasmesso dalla Sede dello Istituto Nazionale di Previdenza Sociale di Napoli Vomero in data 10 agosto 2017, alcuni addebiti, che erano presenti nei precedenti inviti, non sussistono più, mentre permangono gli addebiti relativi alla “Gestione separata” relativi agli anni dal 2005 al 2015, per i quali erano stati già effettuati i dovuti riscontri ed il cui esito era stato comunicato al medesimo Istituto con la nota del 19 aprile 2017, numero di protocollo 1904, come innanzi richiamata;
       - gli importi indicati nel predetto avviso, che riguardano gli addebiti relativi alla “Gestione separata”, sono pari ad € 299.627,96 (incluse le sanzioni e gli interessi di mora);
       - dalla verifica effettuata dall’Ufficio I risulterebbe invece dovuto, per la predetta “Gestione Separata”, un importo complessivo stimato, incluse le sanzioni e gli interessi di mora, pari ad euro 12.000...".

      Il Direttore Generale informa inoltre il Consiglio di Amministrazione che è stato attivato un tavolo tecnico congiunto per chiudere definitivamente tutte le pendenze ancora esistenti tra lo "Istituto Nazionale di Astrofisica" e lo "Istituto Nazionale di Previdenza Sociale", ma i tempi di conclusione dei lavori del predetto tavolo tecnico sono ancora lunghi.
      Pertanto, nelle more che vengano chiuse le predette pendenze, debitorie o creditorie che siano, l'unico modo per regolarizzare il "Documento Unico di Regolarità Contributiva" è quello di pagare il presunto addebito che attualmente lo "Istituto Nazionale di Previdenza Sociale" contesta allo "Istituto Nazionale di Astrofisica", pari ad € 299.627,96 (incluse le sanzioni e gli interessi di mora), evitando, in tal modo, il danno irreparabile che verrebbe causato all'Ente dalla impossibilità di partecipare ai prossimi bandi di selezione per l'ammissione ai finanziamenti destinati dai Programmi Operativi Nazionali e Regionali (PON e POR) alla realizzazione di importanti progetti di ricerca, sia a livello nazionale che internazionale.
      Nel caso in cui, come sembra, la posizione debitoria dello "Istituto Nazionale di Astrofisica" sia nettamente inferiore a quella stimata dallo "Istituto Nazionale di Previdenza Sociale", verranno attivate tutte le procedure necessarie per recuperare le somme versate in eccesso.
      Il Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti condivide perfettamente la proposta del Direttore Generale, in quanto è l'unica che tutela pienamente gli interessi dell'Ente, anche perché la perdita di finanziamenti causata da una irregolare posizione contributiva e previdenziale potrebbe configurare una forma di danno erariale.
      Per tutte le motivazioni innanzi esposte il Consiglio di Amministrazione:
       ha approvato la proposta del Direttore Generale, come innanzi specificata;
       ha autorizzato il Direttore Generale ad adottare tutti gli atti connessi e conseguenti.

    • 14:00 14:10
      Variazioni di Bilancio a coperture degli impegni internazionali 10m

      Relazione il DS

      Punto all' OdG rimandato alla prossima seduta del CdA.

    • 14:10 14:20
      Prolungamento della Convenzione tra INAF e Università di Perugia per il progetto ASTRI-CTA. 10m

      Relaziona il DS

      L'UNiversità di Perugia collabora con INAF da decenni nella realizzazione di Software di automazione per telescopi robotici e strumentazione astronomica. Recentemente UniPG ha collaborato con ASTRI e con CTA per la realizzazione del SW di controllo dell'array. Il prolungamento della convenzione è necessario per consentire di rinnovare alcune unità di personale a tempo determinato in forza presso UNI-PG ed i cui costi sono a carico del progetto CTA (Astronomia Industriale).

      Il CdA Approva e da mandato al Presidente di sottoscrivere il prolungamento della convenzione.

      TRASMISSIONE PER SEGUITI DI COMPETENZA: Uffici di Presidenza.

      Delibera n. 82

    • 14:25 14:45
      Indirizzo relativo alla assegnazione del Tempo Osservativo del Telescopio Nazionale Galileo 20m

      Relazione il Direttore Scientifico

      Il CdA è invitato ad esprimere un parere di indirizzo circa la proposta della UTG-II per i criteri di assegnazione del tempo al Telescopio Nazionale Galileo da incorporare nella prossima call e nelle successive

      La proposta della DS è di procedere con un bando abbastanza generico che tenga conto anche della
      possibilità di implementare Large Programs. Eventuali Large program proposti per NICS e per DOLORES saranno
      accettati con un apposita clausola legata alla manutenzione straordinaria di questi strumenti, che non essendo prevista potrebbe comportare la cancellazione di alcuni LP in caso di gravi rotture.

      Il CdA concorda con la proposta del DS.

    • 14:45 15:00
      Nuove Posizioni di I-III livello 15m

      Il Direttore Scientifico informa il consiglia che il Collegio dei Direttori, nella riunione del 20 Settembre ha espresso la raccomandazione al CdA (attraverso il DS) nelle more delle definizione delle modalità di reclutamento delle nuove posizioni di III livello, di procedere al reclutamento per le posizioni di III livello già approvata nel precedente PTA (8 Posti di Ricercatore e 6 Posti di Tecnologo, un posto di Dirigente Tecnologo e 3 posti di Primo Tecnologo).
      Il consiglio prende atto e attende a riguardo una proposta da parte del Presidente.

    • 15:00 15:10
      Approvazione delle Variazioni di Bilancio 10m

      Il CdA Approva.

      Delibera n. 80

      TRASMISSIONE PER SEGUITI DI COMPETENZA: Direzione Generale.

    • 15:10 15:20
      Ratifica dei Decreti del Presidente 10m

      Il CdA Approva

      Delibera n. 83

      TRASMISSIONE PER SEGUITI DI COMPETENZA: Direzione Generale.

    • 15:25 15:40
      Approvazione del Verbale della seduta del 25 Luglio 15m

      Punto all' OdG rimandato alla prossima seduta del CdA.

    • 15:40 15:50
      Convenzione INAF Università LUISS 10m

      Relazione il DS

      Attività bilaterali di mutuo interesse tra INAF e la Università LUISS in settori di studi economici (moltiplicatori di impatto della scienza nella società civile, etc.) e giuridici hanno suggerito ad entrambe le parti di formalizzare la collaborazione attraverso una convenzione non onerosa. La firma della convenzione favorirà scambi didattici, di studenti e di informazioni.

      Il Consiglio di Amministrazione approva e da mandato al Presidente di sottoscrivere la convenzione.

      TRASMISSIONE PER SEGUITI DI COMPETENZA: Uffici di Presidenza.

      Delibera n. 84

    • 15:50 16:00
      Indicazione nominativi perCommissione Paritetica INAF Scuola Normale Superiore di Pisa 10m

      Relaziona il DS

      Nella sua precedente seduta il CdA ha concordato che avrebbe provveduto alla indicazione dei nominativi (due) dei rappresentanti INAF alla commissione paritetica governante l'accordo con la Scuola Normale Superiore di Pisa. In vista dei prossimi bandi (novembre) è necessario procedere con urgenza a questa nomina.

      Il Presidente chiede al consigliere Tavani di uscire dalla seduta, dopodiche propone al CdA di confermare gli attuali membri della commissione (Marco Tavani e Massimo Capaccioli). Entrambi già designati quali membri INAF in seno al Comitato di coordinamento previsto dall’art. 7 della Convenzione INAF/Scuola Normale Superiore di Pisa dal CdA nella seduta del 10-11 luglio 2013 e nominati con Decreto presidenziale n.52 del 2013.
      Il CdA approva all'unanimità dei presenti e da mandato al Presidente di procedere quanto prima alla nomina previa verifica della loro disponibilità . Il consigliere Tavani rientra in seduta e appresa la decisione del consiglio fornisce la sua disponibilità a essere prorogato.

    • 16:05 17:05
      Richieste Provenienti dalle strutture
Your browser is out of date!

Update your browser to view this website correctly. Update my browser now

×